Studio dentistico Como - Articoli

Ortodonzia Invisibile

Ortodonzia linguale

Le mascherine invisibili per allineare i denti:

Le mascherine invisibili sono allineatori trasparenti realizzati in resina che vanno a imprimere una forza elastica sui denti provocandone il graduale spostamento fino al riallineamento definitivo.

Le mascherine in resina sono quasi del tutto trasparenti, così da non presentare alcun impatto estetico; sono removibili e possono essere tolte per mangiare e per lavarsi  i denti; devono essere portate per gran parte della giornata e vanno sostituite mediamente ogni 15 giorni.

Non possono essere utilizzate per tutti i casi di riallineamento ma solo per determinate tipologie di intervento: nei casi di spostamenti eccessivi dei denti infatti, le mascherine invisibili tendono a non essere risolutive.

Tendenzialmente interventi di questo tipo hanno costi superiori rispetto all'ortodonzia tradizionale anche se tutto dipende sempre dal singolo caso, dalla gravità della situazione e da quante mascherine trasparenti devono essere utilizzate.

Utilizzo delle mascherine:

Le mascherine invisibili in resina senza fili metallici nè attacchi vanno portate per quasi tutta la giornata ad esclusione dei pasti e del lavaggio dei denti. Un set di mascherine dura mediamente un paio di settimane, dopo deve essere sostituito da uno nuovo.

Un trattamento con l'apparecchio trasparente può durare tra i 6 ed i 15 mesi e periodicamente devono essere effettuate visite ortodontiche per valutare l'efficacia del trattamento.

Se tutto procede nel verso giusto, a seguito dell'applicazione delle mascherine invisibili i denti si muoveranno poco alla volta fino a raggiungere la posizione ideale di riallineamento. Un intervento consigliato per chi voglia ottenere risultati efficaci di allineamento dentale senza gli inestetismi portati dai tradizionali apparecchi ortodontici. 

Ortodonzia e apparecchi linguali

Intervenire sulla propria dentatura aggiustandone irregolarità e posizionamenti errati senza dover rinunciare all' estetica. Da questa esigenza si è sviluppata negli anni l'ortodonzia invisibile, branca dell' ortodonzia classica che si pone l'obiettivo di riallineare i denti senza inestetismi per il paziente.

Un tempo per correggere la posizione dei propri denti l'unica soluzione era quella di ricorrere ad apparecchi molto visivi e non particolarmente gradevoli: si parla delle classiche fascette metalliche che andavano a minare vistosamente l'aspetto estetico di chi le portava e che spesso, una volta rimosse, tendevano a lasciare qualche segno.

L'ortodonzia classica ha compiuto notevoli passi in questo settore andando a creare strumenti in grado di riallineare i denti preservando l'estetica del paziente. Come nel caso dei cosiddetti apparecchi linguali.

Apparecchio linguale e tradizionale: quali differenze?

Tecnicamente è un apparecchio classico la cui conformazione ricalca esattamente quelli tradizionali con fili metallici.

La prima differenza con gli apparecchi tradizionali è che questo strumento viene adattato alla superficie interna dei denti, ovvero quella che è a contatto con la lingua. Ciò contribuisce a rendere quasi del tutto invisibile, dal di fuori, la presenza dell'apparecchio.

Un'altra differenza rispetto all'apparecchio tradizionale è data dal fatto che viene realizzato con estrema cura partendo dalla dentatura del paziente con l'obiettivo di essere il meno invasivo possibile. Quello che si ottiene è un apparecchio di dimensioni molto ridotte che non dia eccessivamente fastidio e che anzi, grazie al supporto di tecnologie moderne computerizzate, sia perfettamente modellato sull'arcata del paziente.

L'apparecchio linguale è molto più sottile di quello tradizionale e le fascette non presentano eccessive sporgenze così da evitare fastidiosi contatti con la lingua.

Utilizzo dell'apparecchio linguale:

L'ortodonzia linguale senza attacchi nasce dalla necessità di trattare casi di pazienti con desiderio di riallineare i propri denti ma che, per motivi estetici, non sono intenzionati ad applicare i classici brackets.

Con questo tipo di approccio è possibile trattare diversi tipi di malocclusioni e quindi non presenta limiti di utilizzo. La durata del trattamento è mediamente simile a quella dell'apparecchio tradizionale, quindi sui 18 mesi, e anche per quanto riguarda i costi si può fare un parallelo con l'ortodonzia tradizionale fermo restando il livello di disallineamento da correggere che varia da paziente a paziente.

Un trattamento per riallineare i denti senza che l'apparecchio sia visibile dall'esterno, studiato per chi presta particolare attenzione all'estetica e cerca una soluzione alternativa alle mascherine trasparenti, altro rimedio dell'ortodonzia invisibile.