Studio dentistico Como - Articoli

Estrazione dente del giudizio - Como

Estrazione dente del giudizio

Bisogna sapere che le radici, le più difficili da estirpare, dei terzi molari si sviluppano più tardi, per questo prima avviene l’intervento e più facile sarà l’estrazione; quindi ai primi segni di fastidio ad uno o più denti del giudizio, bisogna rivolgersi immediatamente al proprio dentista di fiducia, che con un’accurata visita e specifici controlli radiografici valuterà se è necessario o meno intervenire chirurgicamente.

Prima dell’intervento viene praticata un’anestesia locale così da evitare sofferenze al paziente, la durata dipende dalla complessità del caso così come il decorso post-operatorio.

Nei casi in cui il dente del giudizio è rimasto incluso nella gengiva sarà necessario mettere alcuni punti di sutura che verranno tolti dopo circa una settimana. Dopo l’estrazione il dentista prescriverà una terapia farmacologica a base di antidolorifici e antibiotici, nonostante ciò successivamente all’intervento si possono avere alcuni lievi e transitori fastidi quali dolore, gonfiore e sanguinamento; normalmente questi nel giro di 24-48 ore scompaiono in caso contrario è comunque meglio consultare il proprio medico.

Una volta a casa è importante seguire alcune indicazione come:

  • applicare del ghiaccio sulla guancia interessata
  • in caso di sanguinamento mordere una garza
  • evitare di assumere bevande calde per le 12 ore successive
  • non fumare per 2 o 3 giorni
  • non assumere farmaci che contengono Acido Acetilsalicilico
  • evitare cibi che possono irritare

Comunque la cosa principale sarà eseguire scrupolosamente le indicazioni date dal dentista per quanto riguarda l’alimentazione e l’igiene orale, in questo modo sia l’operazione che il decorso post operatorio procederà senza alcun problema.